Attualità

«La Raggi sta violando le regole del M5S»

L’accusa la fa oggi Dario Fo, che in tante occasioni è stato considerato una voce forte all’interno del MoVimento 5 Stelle. In un’intervista a Repubblica e in uno scritto pubblicato dal Fatto Quotidiano l’attore spiega quali errori sta commettendo Virginia Raggi, soprattutto sugli stipendi:

Certamente, ma partiamo dalla Capitale. Liti, scontri, dimissioni, lacrime. Se l’aspettava?
«Ho sentito di queste beghe insensate. Non so molto di più, ma una cosa è chiara: nel Movimento bisogna che si cancelli tutto. Occorre che tutto torni ad essere come una pagina bianca. Poi si potrà tornare a fare i conti. E si potrà ripartire da capo».
Lei propone un reset del Movimento cinque stelle, insomma?
«Ma certo, perché non può più stare in piedi una struttura come la loro, così come l’hanno creata ed è diventata. Vedo le beghe di un classico gruppo politico. E invece loro devono essere altro, devono essere l’opposto. Hanno bisogno di distinguersi nettamente dalle altre forze politiche».
Pare però che la dinamica in atto sia opposta. Degna del più agguerrito correntismo di partito, non le pare?
«Leggo che sono uno contro l’altro. Vedo uno che tira in mezzo l’altro, l’altro ancora che decide di dimettersi. E poi c’è quello che si ritira perché il compagno di merende ha fatto in un altro modo…Comunque, molto presto ci sarà una cancellazione di tutto, glielo garantisco».

Sul Fatto Fo è ancora più netto:

Nella giunta capitolina si stanno creando interessi di clan. La battuta della Raggi che se uno vale bisogna pagarlo di più (riferita a Carla Raineri, ndr) è stupida e pericolosa. Non si può andare contro le regole del Movimento, perché esse esprimono il modo di concepire la tua politica. Non si possono fare eccezioni per casi singoli, come ha fatto la Raggi. Se rompi questo valore fondamentale su cui è impostata l’azione del M5S, il rischio è finire fuori strada. Qui ci sono persone che si sono unite per mettere in pratica l’idea di una diversa morale.