Attualità

La procura archivia Giuseppe Sala per l'indagine sulle case a Milano

GIUSEPPE SALA PRIMARIE MILANO

Il Fatto Quotidiano nei giorni scorsi aveva accusato i giornali di fare due pesi e due misure tra Roma (governata dai grillini) e Milano (governata dal PD), perché si parlava molto dell’indagine su Paola Muraro e poco di quella su Giuseppe Sala, che era stato iscritto nel registro degli indagati (su esposto di Fratelli d’Italia) per non aver inserito alcuni immobili e quote societarie nell’autocertificazione patrimoniale richiesta ai titolari di talune cariche pubbliche dal decreto legislativo 33/2013 sulla trasparenza della Pubblica amministrazione. Giuseppe Ferrarella oggi sul Corriere racconta però che c’era una differenza fondamentale tra le due indagini: la procura ha chiesto a luglio l’archiviazione per il sindaco di Milano. Roma quindi torna in vantaggio, daje!

Terreno è la stessa cosa di casa costruita sul terreno? E quindi, aver dichiarato il terreno ma non la casa costruitavi sopra, vuol dire aver solo omesso il vero o invece aver anche falsato la realtà? È passata dal crine di questa distinzione la decisione della Procura di Milano di chiedere al gip Laura Marchiondelli, già prima delle ferie a fine luglio, l’archiviazione del fascicolo nel quale il neosindaco pd di Milano, Giuseppe Sala, era stato iscritto nel registro degli indagati (su esposto di Fratelli d’Italia) per non aver inserito alcuni immobili e quote societarie nell’autocertificazione patrimoniale richiesta ai titolari di talune cariche pubbliche dal decreto legislativo 33/2013 sulla trasparenza della Pubblica amministrazione.
Il 19 febbraio 2015, «nella qualità di amministratore delegato di Expo 2015», Sala compila l’autocertificazione «sul mio onore» e «consapevole delle responsabilità e delle sanzioni penali per le false attestazioni e dichiarazioni mendaci». In essa, però, non indica, oltre a due motocicli, la proprietà del 20% della Kenergy spa; del 18% della Tunari Real Estate srl in Romania; di una casa in Svizzera; e di due fabbricati, una villa e una pertinenza edificati nel 2014 a Zoagli (Genova) su un terreno invece dichiarato da Sala.

giuseppe sala indagato
La procura alla fine, spiega Ferrarella, ha chisuo l’indagine:

Se la mancata indicazione della casa in Svizzera e delle quote nelle due società è pacificamente una omissione di Sala, e dunque sfugge alla norma penale generale e ricade nella sanzione speciale amministrativa, cruciale per la sorte del sindaco restava invece la scelta dei pm su come qualificare giuridicamente Zoagli: e cioè la valutazione se Sala avesse omesso il vero o invece rappresentato il falso quando nella dichiarazione aveva indicato il terreno di Zoagli ma non i due immobili che vi aveva costruito. Nel primo caso, sanzione amministrativa del prefetto; nel secondo, processo penale per falso in atto pubblico. Alla fine la valutazione del pm Giovanni Polizzi, d’intesa con il neoprocuratore Francesco Greco e il capo del pool pubblica amministrazione Giulia Perrotti, è stata che si sia trattato non di alterazione della realtà, ma di «mera incompletezza di informazioni» perché Sala «si sarebbe limitato a dichiarare la titolarità del terreno a Zoagli sul quale gli immobili sono stati edificati».