Attualità

La Polonia non vuole i migranti per gli attentati di Bruxelles (non commessi dai migranti)

Beata Szydlo

In seguito agli attentati di Bruxelles, la Polonia ha reso noto di non essere più disposta ad accogliere i 7.500 rifugiati che aveva deciso di accettare nei negoziati con l’Unione europea. Secondo quanto riferisce l’emittente polacca Superstacja il primo ministro Beata Szydlo ha infatti affermato che “non vede alcuna possibilità per i rifugiati di venire in Polonia”, dopo gli attacchi terroristici nella capitale belga.

La Polonia non vuole i migranti per gli attentati di Bruxelles…

Il suo predecessore, il liberal-conservatore Ewa Kopacz, aveva accettato di prendere i profughi dopo le trattative con l’Unione Europea e quest’anno ha accolto i primi 400 richiedenti asilo. Dal canto suo anche il consigliere per la sicurezza del presidente Andrzej Duda Security, Pawel Soloch, ha messo in guardia contro l’aumento numero di rifugiati in Polonia. “Cerchiamo di essere attenti che 10.000 non si trasformano in 100.000”, ha detto ieri alla stazione televisiva TVN24, aggiungendo che un gran numero di profughi potrebbe aumentare la minaccia terroristica nel paese. Qual è la parte divertente della storia? Tra i kamikaze dell’aeroporto di Zaventem e chi ha colpito alla stazione metro di Maelbeek finora la polizia sembra aver identificato Khalid e Ibrahim El Bakraoui: del primo sappiamo che era nato il 12 gennaio 1989, aveva la doppia cittadinanza belga e delle Bahamas, parlava francese e arabo. Non era quindi un migrante. Anche il fratello Ibrahim aveva la cittadinanza belga. Pure Najim Laachraoui sembra indiziato per la strage: è nato ventiquattro anni fa ad Anderlecht, aveva la cittadinanza belga. E Mohamed Abrini, sospettato di aver preso parte sia alla strage di Bruxelles che a quella di Parigi? Anche lui è belga. Di un quinto terrorista non è stata ancora comunicata l’identità. Mohamed Belkaid, morto a Forest nell’operazione che ha portato all’arresto di Salah Abdeslam, era algerino.
abrini-mohamed

(…non commessi dai migranti)

E gli attentatori di Parigi? Salah Abdeslam è francese come lo era Brahim. Abdelhamid Abaaoud era belga. Bilal Hadfi era francese come Sami amimour, Ismael Omar Mostefai. Ahmad Al Mohammad era l’unico siriano, ma la sua identificazione è stata effettuata sulla base del “famoso” passaporto trovato allo stadio. Di un altro terrorista non si conosce la nazionalità.

chi sono i terroristi di parigi
Chi sono i terroristi di Parigi (Corriere della Sera, 10 dicembre 2015)

E i primi attentati di Parigi? Said e Chérif Kouachi, Amedy Coulibaly e Hayat Boumeddiene erano francesi. È evidente che la Polonia sta ponendo una questione di sicurezza nei fatti inesistente, dietro la quale cerca di nascondere l’ostilità ai migranti  e fare così contento chi nel suo paese, semplicemente, non li vuole. Per fortuna che in Italia queste cose non succedonOH WAIT!
connessione bruxelles parigi
L’infografica del Washington Post sulle connessioni tra i terroristi di Parigi e Bruxelles