Attualità

Il Capo dello Stato Mattarella ha conferito il mandato esplorativo a Fico

Il presidente della Camera dovrà riferire al Presidente della Repubblica se c’è una maggioranza entro martedì 2 febbraio.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito il mandato esplorativo al presidente della Camera Roberto Fico. Il Capo dello Stato lo ha convocato al Quirinale poco dopo il termine delle consultazioni: ora la terza carica dello Stato ha tempo fino a martedì per verificare se ci sia una maggioranza all’interno dal Parlamento, a partire proprio dalla maggioranza che ha sostenuto Conte II. Il 2 febbraio infatti Fico dovrà salire nuovamente al Colle per riferire a Mattarella: “Ringrazio il Presidente della Repubblica per la fiducia”. Fico ha poi continuato: “Mi ha dato un incarico esplorativo volto a verificare la prospettiva di una maggioranza parlamentare a partire dai gruppi che sostenevano il precedente governo. Nei prossimi giorni sarò impegnato nel confronto con gli esponenti di queste forze politiche. Il momento è molto delicato per il Paese, siamo chiamati ad affrontarlo con la massima responsabilità per dare risposte urgenti che i cittadini attendono”.

mattarella fico
Roma – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati, oggi 29 gennaio 2021.
(Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Quindi si ripartirà dal Movimento 5 Stelle e dal Pd, poi costruttori e responsabili, con l’incognita Italia Viva. Che potrebbe rientrare nella maggioranza, dopo che le parti non hanno alzato muri del tutto invalicabili. L’unica porta chiusa arriva dall’ala Di Battista del M5S, che comunque conta diversi parlamentari: no a un nuovo governo con Renzi, troppo inaffidabile. Ma se invece i numeri del Senato fossero già sufficienti senza Italia Viva allora il discorso sarebbe diverso. Una volta verificata l’esistenza di una maggioranza parlamentare, allora si inizierà a parlare di nomi. Il favorito rimane Giuseppe Conte. Ma si fanno strada anche altri candidati. In un momento in cui, riferisce il Capo dello Stato: “È doveroso dar vita presto a un governo con un adeguato sostegno parlamentare in un momento così decisivo”.