Attualità

Esplosione alla stazione Parsons Green della metro di Londra, c'è un ricercato

esplosione parsons green metro londra

Si è verificata una “esplosione” a bordo di un treno della metropolitana di Londra e si segnalano molti feriti. Lo riportano i media britannici secondo cui è stata chiusa la stazione di Parsons Green. I soccorsi sono sul posto. Sono stati visti dei “contenitori con esplosivo” all’interno del treno della metro londinese dove si è verificato questa mattina un incidente. Lo riportano alcuni media britannici. I servizi ferroviari nella zona sono stati interrotti dopo un “incidente di sicurezza” riferito dai pendolari. Un portavoce dei pompieri di Londra ha detto al Sun: “siamo stati chiamati alle 8.21 e siamo stati informati che c’era un incendio su un treno diretto a est sulla banchina di Parsons Green. Ci sono due autobotti sul posto”. Le foto che circolano sui social media sono di un grosso secchio bianco in fiamme accanto alla porta di un vagone. Una unità di artificieri della Eod (Explosive Ordnance Disposal) è in azione nella stazione di Parsons Green. Gli artificieri della polizia londinese stanno disattivando un secondo ordigno esplosivo trovato nella metropolitana di Parson Green. Un uomo armato di coltello che sarebbe ancora in fuga.

L’esplosione alla metro Parsons Green di Londra

Scotland Yard conferma che si tratta di un caso di terrorismo. Alcuni testimoni parlano di persone con “bruciature sul viso” ed escoriazioni. Diverse persone sarebbero state ferite nel panico della calca. Secondo quanto riferiscono i media britannici, la deflagrazione, che ha provocato il panico tra i pendolari, è stata causata da un secchio di plastica bianca posto nei vagoni posteriori del treno. Testimoni parlano di passeggeri con ustioni al volto. Nella foto si vede che il contenitore era avvolto da una busta della LIDL.  La foto, pubblicata anche dalla BBC, è questa:
esplosione metro londra parsons green
L’ordigno rudimentale in un secchio, posto in una busta dei supermercati low cost Lidl e lasciato accanto alla porta di un convoglio. Dalle immagini pare che dal secchio emergano dei fili elettrici, ma la polizia non ha confermato che si tratta di un ordigno esplosivo. Su Twitter gli utenti descrivono una “palla di fuoco” nel vagone che ha causato il panico e una fuga precipitosa dalla porta, che era aperta sulla banchina. Polizia e servizio ambulanze hanno confermato l’incidente e la loro presenza sulla scena, annunciando a breve ulteriori dettagli.

La palla di fuoco alla metro di Londra

“Siamo al corrente di un incidente presso la stazione della metro di Parsons Green. La polizia è sul posto”, ha twittato la polizia britannica, cosi’ come i servizi di ambulanza. “Una palla di fuoco ha avvolto la carrozza della metropolitana”, scrivono alcuni utenti sui social media. Una giornalista di Metro.co.uk che si trovava sul treno ha detto che un contenitore bianco è esploso sul convoglio e i passeggeri hanno subito ustioni al volto. Sono stati “ustionati davvero gravemente” e i loro “capelli sono caduti”. Richard Aylmer-Hall, 52 anni ha parlato di “panico “sul treno. “C’era panico, gente che urlava, tantissime urla” ha detto alla Press Association. “Una donna sulla banchina ha detto di aver visto un lampo bianco e sentito uno scoppio, quindi qualcosa è esploso. “Ho visto due donne medicate dai paramedici delle ambulanze”. Il corrispondente della Bbc Riz Lateef, che si trovava nella stazione della metropolitana ha descritto il “panico” e la fuga delle persone. Il servizio ambulanze ha detto che ora la priorità è la valutazione e la cura immediata dei feriti e che su posto ci sono “varie risorse”.
esplosione metro londra parsons green 1
L’esplosione a Parsons Green è avvenuta nei vagoni posteriori e ci sono diversi feriti, con “ustioni molto serie”. La deflagrazione è avvenuta in un’ora di grande afflusso passeggeri: la telefonata ai vigili del fuoco è arrivata alle 08:21. Sul posto ci sono i vigili di Chelsea, Fulham e Wandworth e di HammerSmith.

Il video del secchio bianco incendiato nella busta Lidl con i fili penzolanti a Parsons Green

 


“Ho visto una donna con ustioni sulla faccia e sulle gambe che veniva portata via in barella”, ha raccontato la presentatrice della Bbc Sophie Raworth che si trovava alla stazione della metropolitana di Parsons Green. Le autorità londinesi hanno chiuso parzialmente la linea metropolitana District che conta tra le sue fermate anche quella di Parson Green, teatro questa mattina di un’esplosione che ha provocato numerosi feriti. Il servizio è stato sospeso tra le fermate di Earls Court e Wimbledon.

I passeggeri feriti

Sono intervenuti anche i medici super-specializzati di London Ambulance Hart alla stazione di Parsons Green, per soccorrere i passeggeri rimasti feriti dall’esplosione in un vagone della metro. I medici appartengono a un’unita’ specializzata nei soccorsi piu’ complicati, come incidenti multipli e le situazioni di salvataggio complesse. In questo video si vedono i servizi di emergenza in azione con una passeggera.

L’esplosione avvenuta sul vagone della metropolitana di Londra nei pressi di Parsons Green “non assomiglia agli ordigni di alta fascia utilizzati dall’Isis, oppure se lo era ha fallito”. L’ha dichiarato l’esperto di terrorismo Chip Chapman. “I funzionari del Comando antiterrorismo del Met stanno indagando dopo l’incidente su un treno del Tube di Londra questa mattina. La polizia è stata chiamata intorno alle 8:20 alla stazione della metropolitana di Parsons Green dopo le segnalazioni di un incendio sul treno. Il vice commissario Neil Basu, coordinatore nazionale per l’anti-terrorismo, lo ha dichiarato un incidente terroristico”, si legge in un comunicato del Met. “Gli ufficiali del Metropolitan Police Service e del British Transport Police sono sulla scena, insieme ai colleghi della London Fire Brigade e London Ambulance Service”, scrive ancora il Met, che parla “di un certo numero di persone che sono rimaste ferite”. “È troppo presto per confermare la causa dell’esplosione, che sarà oggetto dell’inchiesta. La stazione rimane bloccata e consigliamo alle persone di evitare la zona”, conclude.