Attualità

Diego Gianella, aggredito dai fascisti perché aiuta i migranti

aggressione casa pound diego gianella alternativa onlus

Ennesimo episodio di violenza fascista nella Capitale, a farne le spese è stato Diego Gianella attivista sociale della cooperativa L’Alternativa Onlus che si occupa di aiutare persone senza fissa di mora e rifugiati. L’aggressione è avvenuta in pieno giorno a pochi metri dalla sede del X Municipio dove Gianella stava andando per assistere all’incontro “Roma ascolta Roma” che vedeva la partecipazione di Virginia Raggi e dell’assessora al sociale del Comune di Roma Laura Baldassarre.
aggressione casa pound diego gianella alternativa onlus

Insultato, picchiato e preso a calci da cinque fascisti

Nel piazzale antistante alla sede del Municipio di Ostia era in corso anche una manifestazione di circa cinquanta esponenti di Casa Pound, Noi con Salvini e Fratelli d’Italia. Gianella, che già in passato aveva subito minacce da parte di esponenti di Casa Pound, si è visto sbarrare l’ingresso da alcuni dei manifestanti che prima gli hanno intimato “qui non entra nessuno” e che successivamente – quando Diego si è voltato per andarsene – lo hanno seguito e aggredito davanti a numerosi passanti che però non hanno fatto nulla per fermare la violenza. Ecco il racconto di Diego Gianella al sito Il Faro Online:

Alcuni ragazzi mi hanno impedito di entrare e mi hanno seguito vicino la pensilina dell’autobus per picchiarmi con calci e pugni davanti a decine di passanti i quali, purtroppo, non hanno mosso un dito ed hanno addirittura cambiato strada. Ero solo contro 5 persone e senza alcun motivo mi hanno picchiato. Volevo partecipare all’incontro come persona attiva sul territorio volevo dire la mia, ascoltare e costruire qualcosa, questa è stata la mia colpa. Dopo mi hanno lasciato per terra dicendomi “e mo vatte a lamenta in questura”. Ho fatto tantissime denunce contro i numerosi atti di violenza che ricevo quasi quotidianamente ma nulla cambia, anzi. Sto provando a difendermi come posso.

La matrice dell’aggressione è quindi chiarissima. Sul blog dell’Alternativa Onlus un comunicato ricostruisce la storia degli episodi di minacce e violenze ai danni del volontario, colpevole agli occhi dei fascisti del terzo millennio e degli esponenti dell’ultradestra romana dell’orrendo crimine di aiutare migranti e richiedenti asilo.

Di recente, proprio a poca distanza dalla pubblicazione di un articolo sul blog “La nostra Voce Alternativa”, sotto l’abitazione del nostro volontario è comparsa una scritta rossa “imparerai”, e ad attenderlo sotto casa vi erano tre ragazzi, già noti alle forze dell’ordine, di cui due riconosciuti come membri di CasaPound. I tre ragazzi in questione hanno provveduto a spintonare il nostro volontario: sul suo viso sono stati evidenti i segni di una colluttazione

Questa volta per fortuna non è finito come quando Diego si beccò una coltellata a causa del suo attivismo in un’associazione (Progetto Alina) che si batteva contro il racket dello sfruttamento della prostituzione. Diego ha annunciato che anche questa volta denuncerà l’episodio alle forze dell’ordine ma è curioso che i tutori della legge presenti di fronte alla sede del Municipio X per sorvegliare il corretto svolgimento della manifestazione non si siano accorti di quanto avveniva a pochi passi dal presidio organizzato dalle destre. Quello che emerge tuttavia è come questo genere di aggressioni di matrice neofascista, che solitamente avvengono di notte, non sia un’eccezione della vita di Ostia ma faccia purtroppo ormai parte della quotidianità. Stupisce anche che dai partiti politici presenti davanti al Municipio di Ostia (per Fratelli d’Italia c’erano i consiglieri comunali Andrea De Priamo e Fabrizio Ghera il portavoce del Municipio X Monica Picca) non sia arrivato il benché minimo gesto di solidarietà nei confronti di Diego Gianella e di condanna dell’aggressione fatta da persone che facevano parte della manifestazione. È anche di queste piccole cose che si alimenta l’odio e il senso di impunità. Forse sarebbe il momento che almeno un partito che ambisce ad avere un ruolo nazionale come FdI prendesse le distanze dai metodi violenti adottati da alcuni esponenti di destra.
aggressione casa pound diego gianella alternativa onlus
Diversa la reazione di Casa Pound che negano ogni addebito e spiegano che la notizia è una strumentalizzazione da parte di certa stampa per estromettere Casa Pound dal dibattito politico.
aggressione casa pound diego gianella alternativa onlus
Per la verità e volendo essere onesti fino in fondo ad estromettere Casa Pound dal dibattito politico ci hanno pensato già gli elettori alle amministrative di giugno.