Attualità

Beau Solomon: lo studente della John Cabot ritrovato morto a Ponte Marconi

beau solomon omicidio rabbia americani - 1

Beau Solomon è stato ritrovato morto a Ponte Marconi? Il corpo recuperato stamattina nel Tevere potrebbe essere quello dello studente americano scomparso da giovedì: è atteso il riconoscimento dei genitori per la certezza dell’identificazione. Beau Solomon, 19 anni, era a Roma per frequentare un corso estivo alla John Cabot University, è stato visto l’ultima volta la notte tra il primo e il due luglio, in un bar di via della Lungara, a Trastevere. La polizia fluviale già scandagliava il Tevere da un paio di gironi e stamattina, duecento metri dopo ponte Marconi, verso il mare, sulla banchina hanno visto un corpo. Gli agenti hanno allertato i sub dei vigili del fuoco che lo hanno recuperato.

Beau Solomon: lo studente della John Cabot ritrovato morto a Ponte Marconi

Solomon, 19enne dell’università del Wisconsin-Madison, era stato visto l’ultima volta giovedì scorso in un bar di via della Lungara, a Trastevere, dopo essere passato per piazza Trilussa. Il compagno di stanza del ragazzo ha riferito di aver perso le tracce di Beau intorno all’una di notte giovedì, mentre erano insieme in un locale della capitale, a trastevere, dal quale si sarebbe allontanato senza fare ritorno. L’amico dello studente, che ha detto che Beau non era ubriaco, ha poi lanciato l’allarme quando non lo ha visto presentarsi alla John Cabot la mattina seguente. L’università ha avvisato la polizia, fornendo loro tutte le informazioni in suo possesso. La John Cabot ha inoltre informato l’Ambasciata americana e la University of Wisconsin-Madison, che ha contattato la famiglia dello studente. Sulla vicenda indaga la polizia con squadra mobile e Digos. Secondo quanto è stato riferito dalla polizia, qualcuno potrebbe aver rubato il cellulare e usato la carta di credito del ragazzo: “Dopo giovedì sono stati spesi 1.500 dollari“.
beau salomon john cabot university 1
Beau da bambino era riuscito a sopravvivere a una rara forma di cancro grazie a una serie di operazioni e a un lungo ciclo di chemioterapia. Il riconoscimento ufficiale dovrebbe essere fatto in serata dai genitori dello studente, ma i vestiti sarebbero quelli indossati dal giovane – un paio di jeans e una t-shirt chiara – così come corrisponde la presenza di due braccialetti. Il corpo presenta una ferita alla testa, inferta da un corpo contundente, forse una bottiglia. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti quella di una rapina sfociata in omicidio: cellulare e portafogli, non ritrovati, gli sarebbero stati rubati.