Attualità

Balli e brindisi sulla musica del Gladiatore. “Poi si chiedono perché li chiudono”

La video-denuncia del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli scatena la rabbia su Facebook

Chissà se siano negazionisti o menefreghisti. Ma una cosa è certa: quello che si vede fare in questo breve video dai protagonisti non è consentito in questa fase della pandemia. Un’unica tavolata con più di quattro persone, la musica del “Gladiatore”, due camerieri con mascherine (per fortuna), e gente che balla. A Bacoli, in Campania e più precisamente a poco più di 20 chilometri da Napoli, in un ristorante del litorale si festeggia in barba a tutte e norme anti covid.

A pubblicare il video sulla propria pagina Facebook è il consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli, che riporta una segnalazione di un cittadino: “Francesco, questo è avvenuto l’altro giorno in un ristorante di Bacoli. Noi siamo chiusi a casa da mesi e facciamo sacrifici, mentre questi fanno le cene, i brindisi e le feste? Non è giusto”. E infatti nel video si vedono ragazzi festeggiare, chi in piedi sulle sedie, chi a ritmo di musica. E qualcuno che alza le bottiglie (con tanto di candelotti), brindando al 2021.

“In questo video si vede come all’interno del ristorante si stiano vietando tutte le norme. Siamo fortemente preoccupati, così si mette a rischio la salute pubblica”, ha detto a Nextquotidiano Francesco Emilio Borrelli. E ancora: “Io non sono contro l’apertura dei ristoranti, anzi. Ma è necessario che capiscano che devono garantire sicurezza al’interno del locale. E se non lo fanno corrono anche il rischio di danneggiarsi, perché per incassare tanto un giorno, potrebbero poi rimanere chiusi due mesi”.

È vero, la Campania è regione gialla. E quindi i ristoranti a pranzo possono lavorare e accogliere la clientela. Ma ci sono comunque delle norme disposte dai diversi Dpcm, che sono sempre valide. Come tavoli da quattro nel caso in cui non si faccia parte dello stesso nucleo famigliare, e mascherine al volto se non si è seduti a mangiare. E, ovviamente, non si può festeggiare e ballare all’interno dei locali.

Sotto al post di Borrelli – oltre ai commenti dei negazionisti del covid – ce ne sono anche tanti di denuncia. A condividere infatti le preoccupazioni del consigliere di Europa Verde, sono in molti sui social: “Poi i ristoratori si chiedono perché li chiudono”, scrive uno di loro.