Attualità

25mila camici spariti: la beneficenza a metà dell’azienda della moglie e del cognato di Fontana

Martedì prossimo M5S e Pd presenteranno due interrogazioni in Consiglio regionale per capire che fine abbiano fatto gli oltre 25 mila camici restanti che Dama aveva inizialmente deciso di regalare, ma che non sono mai stati consegnati

attilio fontana camici azienda moglie cognato 1

Nelle more della vicenda di Dama SPA, l’azienda di proprietà della moglie e del cognato del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, e dei camici per i quali oggi la procura di Milano indaga ipotizzando il reato di turbativa d’asta, martedì prossimo M5S e Pd presenteranno due interrogazioni in Consiglio regionale per capire che fine abbiano fatto gli oltre 25 mila camici restanti che Dama aveva inizialmente deciso di regalare, ma che non sono mai stati consegnati. Racconta oggi Il Fatto Quotidiano:

Erano l’ultima parte della famosa fornitura: 75 mila camici e 7 mila set di cappellini e calzari che il Pirellone  aveva ordinato a Dama il 16 aprile scorso, attraverso un affidamento diretto. Materiale che Dama, subito dopo la firma del contratto, inizia a consegnare con scadenza quotidiana, emettendo regolari fatture per complessivi 359 mila euro. A fine maggio però (dopo l’inizio delle  investigazioni di Report, dicono i maligni), la stessa Dama dichiara di essersi sbagliata: quella fornitura onerosa è una donazione. Il documento che sancisce la metamorfosi è una mail, datata 20 maggio, che l’amministratore della Dama, Andrea Dini, invia ad Aria,  dove si ufficializza la volontà “di trasformare il contratto di fornitura in una donazione”, aggiungendo: “Certi che apprezzerete la nostra decisione Vi informiamo che consideriamo conclusa la nostra fornitura”.

Che tradotto significa: non vi manderemo nulla oltre quanto già inviato. Ovvero, alla data del 20 maggio, 7 mila set completi e 49.353 camici, per un totale di 359.482 euro (l’esatto importo delle due fatture inviate). All’appello quindi, rispetto al capitolato originale che di camici ne prevedeva 75 mila, mancano ancora 25.647 camici, per un valore di circa 153 mila euro: non arriveranno mai. E nessuno si aspetta che arrivino, del resto. Sicuramente non Aria, che dal 20 maggio ritiene conclusa la partita.

attilio fontana camici azienda moglie cognato

LA BENEFICENZA di Dama si ferma così in concomitanza con i primi rumors dell’indagine della trasmissione tv: regala ciò che ha già consegnato, e non completa la fornitura prevista e promessa. “Ma se Aria aveva dato senza gara a Dama  un appalto per 75 mila camici, significa che quello era il numero di camici ritenuto necessario – rag io na Fumagalli – e se, come sembra, 25 mila non sono mai arrivati, significa che i medici lombardi avranno dovuto fare senza… È incredibile: qui siamo davanti a una donazione, ma solo a metà! Hanno cambiato idea anche su questo”.

Leggi anche: L’indagine per turbativa d’asta nella storia dei camici donati dall’azienda della moglie e del cognato di Fontana