Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.

La verità sullo spettacolare bagno di folla di Salvini a Bari

Categorie: Opinioni

Salvini è commosso per l'accoglienza organizzata ieri durante la sua visita a Bari, ma c'è il trucco perché basta spostare un po' l'inquadratura per vedere che di folle oceaniche non c'è nemmeno l'ombra

A guardare gli account ufficiali della Lega e del ministro dell’Interno ieri Salvini è stato accolto da una folla oceanica al quartiere Libertà a Bari. Anche il Capitano non trattiene l’entusiasmo «me la porterò nel cuore per molto tempo!» esclama a social unificati. Il segretario della Lega ci tiene a mostrare come anche il leader del partito che fino a pochi anni fa se la prendeva con i terroni e chiedeva l’indipendenza del regno fatato della Padania è benvoluto al Sud. E non c’è dubbio che anche nel Sud Italia ci siano non pochi simpatizzanti della ex Lega Nord, in fondo Salvini è stato eletto al Senato in un collegio in Calabria.

C’è perfino un video che mostra l’arrivo del vicepremier, tra un tripudio di bandiere, cori (Mat-teo! Mat-teo!), strette di mano, abbracci e una folla festante che circonda Salvini mentre dispensa baci e abbracci e si presta a farsi fotografare dai fan. Più che l’arrivo di un ministro o di un leader politico sembra quello del cantante di una boyband o di una rockstar. Ed è questa l’immagine che la propaganda salviniana vuole dare. Il caro leader amato dal popolo, che lavora per il popolo e che si concede a corroboranti bagni di folla tra una riunione del Consiglio dei Ministri e l’altra.

Lo spin doctor della Lega, Luca Morisi, non risparmia i punti esclamativi. Su Twitter parla della spettacolare accoglienza riservata dai cittadi di Bari a Matteo Salvini. C’è spazio anche per qualche sfottò a chi lo accusa di aver “pompato” il fenomeno Salvini grazie ai famigerati troll russi o “trumpiani”. Non è così cari rosiconi, la popolarità di Salvini è un fenomeno tutto padano italiano!

Ma è davvero così? Il trucco c’è, e si vede già dal filmato che privilegia inquadrature strettissime ma che lascia intravedere come oltre le due o tre file di persone assiepate sulle transenne per il momento photo opportunity salviniano ci sia il vuoto.

Fonte

Vista dall’alto la strepitosa accoglienza viene di molto ridimensionata. Ad accogliere Salvini non c’era certo la folla di Pontida. Anzi, si tratta di un centinaio di attivisti e simpatizzanti della Lega, probabilmente convocati per l’occasione. Ma nulla più. Dire che il quartiere Libertà di Bari ha accolto Salvini da eroe o che l’accoglienza è stata “incredibile” non corrisponde alla verità. Non c’erano troll russi e non c’erano figuranti trumpiani. Semplicemente perché c’erano quattro gatti, molti giornalisti e forze dell’ordine.

Leggi sull’argomento: Vieni avanti, decretino