Opinioni

Il successone del Capodanno targato Virginia Raggi

festadiroma capodanno virginia raggi

Virginia Raggi ce l’ha fatta! Senza che il Comune facesse nulla è riuscita a portare in piazza decine di migliaia di persone per il veglione di Capodanno. Ad annunciarlo, raggiante più che mai, è proprio la sindaca di Roma che sul sito del suo partito ci fa sapere che la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio c’erano “40mila persone al Circo Massimo, 42mila tra Fori “unificati” e musei civici, oltre 200mila sul lungotevere e i ponti di Roma“. Non proprio un bagno di folla, eppure c’è chi si stupisce che  i giornali non parlino di quei valorosi 40mila al Circo Massimo.
festadiroma capodanno virginia raggi

La Festa di Roma non decolla

Numeri da far girare la testa, direbbe qualcuno, addirittura c’erano quasi trecentomila persone in piazza in tutta la città la notte di Capodanno. A Roma però, non in qualche sperduto paesino sull’appennino tosco emiliano: #LafestadiRoma è stata un successo? Se ci dovessimo basare su quelle 40mila persone presenti al Circo Massimo la risposta sarebbe una sola: no. Non stiamo qui valutando il divertimento di chi c’era ma il fatto che ad esserci, in questo Capodanno all’insegna del “non ci sono soldi”, fossero davvero in pochi. L’anno scorso al Circo Massimo c’erano Negramaro ed Edoardo Bennato, ad assistere al concerto c’erano circa centomila persone. Ma questo non ha impedito il giorno dopo al Corriere della Sera di definirlo un “Capodanno senza record” per la mancanza di folla e il fatto che non ci sia stato il pienone. Ed in effetti il paragone con l’anno precedente – quello del famoso sciopero dei vigili urbani che si sono dati malati in massa – è impietoso: tra il Circo Massimo e i Fori Imperiali in piazza ad ascoltare i Subsonica e Daddy G dei Massive Attack c’erano oltre seicentomila persone. Leggendo i resoconti e le cronache della nottata del 31 dicembre 2016 ci si rende conto come la festa costata 700mila euro (abbandonata anche dagli sponsor) abbia avuto un tono estremamente dimesso: a mezzanotte la gente era già a casa, del resto c’era ben poco da vedere. Ed è un peccato perché se ben pianificato il Capodanno in una grande città può avere ottimi ritorni dal punto di vista turistico, non è che sia necessario tenere aperti i musei anche di notte, perché la notte dell’ultimo dell’anno alla fine quello che uno vuole fare è divertirsi (a New York migliaia di persone sono andate a vedere Mariah Carey che è riuscita a steccare pur cantando in playback) ma se il divertimento non c’è allora tanto vale restarsene a casa no? Questo  una grande città come Roma dovrebbe capirlo, quella che senza dubbio si presenta come una spesa non è altro che un modo per rendere più appetibile la città come meta turistica fornendo un’ulteriore – e notturna – attrattiva turistica.

Il Capodanno silenzioso della Capitale ha scatenato anche l’ironia di Antonello Venditti che confermando che non si sono sentiti molti botti (come orgogliosamente rivendicava la Raggi la mattina del 1 gennaio) racconta che in città non c’era nessuno, i ponti di Roma – illuminati – erano deserti.


Mentre c’è chi fa ironia sul fatto che Roma sembrava la città dei morti viventi (si scherza eh!) dalle parti del Cinque Stelle si vive la solita sindrome d’accerchiamento. Colpa dei media che non parlano del grande successo del primo Capodanno della giunta guidata da Virginia Raggi e non diffondono quell’unica foto che in queste ore viene retwittata ovunque per dimostrare quanta gente ci fosse al Circo Massimo (ripetiamo, 40mila persone, stime ufficiali date dalla Raggi in persona che non si discostano di troppo da quelle dei giornali). Nemmeno l’invito a condividere le foto con l’hashtag lafestadiroma ha funzionato benissimo, ma forse non c’era campo, oppure c’era troppa ressa, oppure la batteria del cellulare si era scaricata.
festadiroma capodanno virginia raggi
Lei, la Raggi, non si fa mancare rimproveri ai “gufi” e a quelli che non capiscono la voglia di divertimento delle persone, sono stati i musoni ad ignorare la festa (e a giudicare dai numeri c’è da dire che sono parecchi) ma non importa: pochi ma buoni è quello che conta, il popolo (che è sovrano, ricordiamolo) ha deciso:

È la festa dei cittadini e dei turisti, quella che i soliti musoni hanno voluto ignorare. C’è addirittura chi sperava nel flop, non prendendo minimamente in considerazione la voglia di divertimento di tutti. Ma sono le persone comuni, noi tutti, a decidere.

Raggi si sa è un’inguaribile ottimista e vede nella notte di Capodanno la prova «che la città di Roma può, vuole e deve rinascere». E così sia allora, se dovessimo trarre dei vaticini da questi incerti inizi allora sarà un rinascimento lento, graduale, un passettino alla volta, piano piano senza far rumore.