Fact checking

Perché DirettaNews.it è scomparso da Facebook

direttanews.it facebook buzzfeed - 5

Oggi i lettori di DirettaNews.it hanno scoperto che La pagina Facebook del loro sito di informazione preferito non è più raggiungibile. Non è chiaro se la scomparsa di DirettaNews.it dal social di Zuckerberg sia dovuta ad un oscuramento volontario o da un provvedimento preso dagli amministratori di Facebook. Il sito DirettaNews.it però risulta essere ancora online e anche l’account Twitter risulta operativo. Al momento quindi DirettaNews è scomparso solo da Facebook, cosa che lascia supporre che la pagina sia stata eliminata o nascosta provvisoriamente dal social.

L’inchiesta di Buzzfeed sulla misinformation di DirettaNews.it

Non ci sono molti elementi per affermarlo, tranne la pubblicazione – proprio oggi – di un articolo di Alberto Nardelli e Craig Silverman per BuzzFeed. Nell’articolo Nardelli e Silverman definiscono DirettaNews come uno dei più importanti e letti siti di informazione che è impegnato però a diffondere informazioni contro gli immigrati e soprattutto è molto attivo nella diffusione di misinformation. I lettori più attenti si ricorderanno che Nardelli e Silverman, sempre su Buzzfeed, l’anno scorso avevano messo in luce i meccanismi con cui la Casaleggio Associati gestiva un network di siti devoto alla pubblicazione fake news.
direttanews.it facebook buzzfeed - 1
Prima della sua scomparsa la pagina Facebook di DirettaNews.it – pagina che aveva il badge “verificato” – contava più di 3 milioni di mi piace. Il dubbio è che sia stata oscurata proprio in seguito all’articolo di BuzzFeed che denunciava come il sito facesse parte di una galassia di domini di proprietà di Giancarlo Colono, un imprenditore romano titolare di Web365, una società che per DirettaNews si occupa ad esempio della raccolta pubblicitaria. DirettaNews.it fa inoltre parte di un network di siti gestiti da NextmediaWeb, un’altra società romana il cui sito – dopo che Nardelli ha provato a fare alcune domande – risulta ora “in manutenzione”.
direttanews.it facebook buzzfeed - 2
Il legame tra Web365 e NextmediaWeb non è chiaro né Buzzfeed fornisce indicazioni sul fatto che condividano meno la stessa proprietà o il medesimo assetto societario. Ma che c’entra DirettaNews.it con le fake news e con la misinformation? Certo ci sono stati casi in cui Direttanews.it – come capita ad altri giornali – ha diffuso notizie allarmistiche e non vere (oppure non riportando completamente la notizia dandone una lettura molto parziale). In fondo il fatto che le fake news vengano diffuse anche da giornali autorevoli non è una novità. Ma secondo Buzzfeed il problema sono piuttosto i legami con altri siti che diffondono notizie allarmistiche o bufale. Alcuni degli articoli di questi siti, come ad esempio quelli de “La luce di Maria” sull’inesistente pericolo della dittatura gender, venivano condivisi sulla pagina Facebook di DirettaNews.it

Fare misinformation per profitto

Uno su tutti Inews24.it le cui pagine – come Inews24Viral o Inews24official – risultano anch’esse scomparse da Facebook. Colono però ha spiegato a Buzzfeed che uno di quegli account Facebook era fake. Il sito invece è ancora online. Secondo gli autori dell’inchiesta di Buzzfeed Inews24 sarebbe solo apparentemente un sito di notizie. In realtà Inews24, proprio come Direttanews.it sarebbe secondo Buzzfeed attivamente impegnato in una campagna mediatica contro gli immigrati, scegliendo di dare maggior rilievo alle notizie che hanno come protagonisti gli stranieri, in alcuni casi anche Inews24 ha diffuso bufale sugli immigrati.
direttanews.it facebook buzzfeed - 4
Entrambi i siti fanno parte del portafoglio di domini web di proprietà di Colono. Secondo le analisi di Nardelli Facebook è la piattaforma dalla quale proviene la maggior parte delle visite su DirettaNews.it (ma questo si può dire per la quasi totalità dei giornali italiani ormai). Non è chiaro però quale sia l’obiettivo dei gestori di questi siti, se influenzare l’opinione pubblica secondo un preciso disegno politico o se più semplicemente – come già accaduto in passato – se si è deciso di sfruttare una nicchia di mercato molto redditizia. Più in generale si potrebbe dire che siti come questi contribuiscono a creare una sensazione di assedio e di allarme sociale e quindi distorcono la percezione della realtà. C’è però da dire che la stessa cosa fanno i politici e anche molti quotidiani blasonati che spesso e volentieri inventano o esagerano le notizie. Inoltre – come ha rivelato una ricerca IpsosMori – la percezione della realtà è già di per sé molto poco accurata.
8:30 28/11/2017 EDIT : Emilio Del Monte, in qualità di legale rappresentante della Web 365 s.r.l., ci scrive perché, sostiene, il contenuto di siffatto articolo è “palesemente denigratorio rispetto all’attività svolta, oltre che diffamatorio laddove si legge che gli articoli sul sito www.direttanews.it si basano su fatti non veritieri”.
buzzfeed web365 boldrini direttanews - 1
È interessante notare che sul Messaggero di oggi sia riportato un virgolettato di Davide Colono – fratello di Giancarlo Colono – che per Web 365 si occupa delle pubbliche relazioni. Alla domanda se Web365 è “la centrale delle bufale” ha risposto «Ma no noi non pubblichiamo fake news. Chi crede in Gesù Cristo, risponde davanti a nostro Signore di ciò che dice». Ed è curioso che il 12 luglio 2017 DirettaNews abbia pubblicato un articolo dal titolo Boldrini: “Abbattere tutti i monumenti fatti dal fascismo”. Una notizia che la Presidente della Camera ha bollato come fake news.
buzzfeed web365 boldrini direttanews - 2
Ma DirettaNews in quell’occasione ha saputo fare di meglio. Il giorno successivo ha pubblicato un articolo con la nuova dichiarazione della Boldrini, quella vera, scrivendo però che il titolo dell’articolo di DirettaNews era: “Laura Boldrini: “Persone offese da monumenti fascisti” e chiedendo provocatoriamente «Dove c’è scritto che ha detto di voler abbattere i monumenti?». Ed è vero, DirettaNews ha fatto un pezzo con quel titolo, l’11 luglio. Il giorno dopo ha pubblicato quello con il titolo incriminato che il 13 luglio diceva di non aver mai scritto. Eppure l’articolo è ancora sul sito.
buzzfeed web365 boldrini direttanews - 3
Secondo quanto dichiarato da Colono al Messaggero l’inchiesta di BuzzFeed sta danneggiando il lavoro della Web 365. Colono sa anche chi sono i mandanti: «a tirare i fili è la politica, Renzi, la Boldrini, il governo».
Foto copertina via Nextmediaweb.com