Opinioni

Marco Carta ha dei problemi con la tettonica a zolle

marco carta terremoto marche complotto

Marco Carta è il cantate uscito dalla scuola di Amici di Maria De Filippi e famoso per singoli come Dentro ad ogni brivido, Necessità lunatica e Splendida Ostinazione. Di recente Marco Carta ha anche partecipato all’Isola dei Famosi, il reality per morti di fama grazie al quale probabilmente è entrato in contatto con la Madre Terra.
marco carta terremoto marche complotto
Al contrario di molti personaggi famosi che notoriamente sono sotto il controllo della programmazione di controllo mentale Monarch (detta anche “ad ali di farfalla” per ovvi motivi simbolistici) gestito direttamente dagli Illuminati Carta è uno che è riuscito a sottrarsi al pensiero dominante. Tutto è iniziato questa mattina con un Tweet che in realtà era anche abbastanza poetico (e in modo decisamente banale). L’immagine della terra che trema dopo il terremoto quasi fosse stata violentata. Ma un momento, violentata da chi? Dalle immani forze che si agitano nel sottosuolo? No: dall’uomo!
marco carta terremoto marche complotto
Qualcuno coraggiosamente fa notare che magari le cause sono altre, il timore è che Marco pensi davvero quello che tutti temiamo che pensi. E purtroppo è davvero così: Carta inizia a spiegare la sismicità indotta, le iniezioni di anidride carbonica e di acque di scarico oppure il fracking. Solite ipotesi complottiste. Per tacere dei “progetti dell’industria mineraria” e della cosa più pericolosa di tutte: la costruzione di tunnel (che stesse pensando a quello che collega il Gran Sasso al CERN di Ginevra?). Ci sono poi i terremoti provocati dall’uomo quando riempie per la prima volta i laghi artificiali (per la produzione di energia elettrica). Qui Carta si riferisce probabilmente alla tragica vicenda del Vajont e degli smottamenti causati proprio dai lavori nell’invaso artificiale che hanno provocato il distacco del Monte Toc e il conseguente disastro che cancellò dalla faccia della Terra l’abitato di Longarone. Ma lì si trattava di smottamenti e frane la cui origine non era la stessa dei terremoti, la faccenda insomma è davvero un’altra.

marco carta terremoto marche complotto
Che Splendida Ostinazione!

L’utente Twitter La TeVilisione non ci crede, gli Appenini sono una formazione montuosa che è nata proprio in virtù dai moti di spinta delle forze (non misteriose) che agiscono al di sotto della crosta terrestre. Ma Carta insiste spiegando che gli Appennini c’erano già 20-30-40-50 anni fa ma che ciononostante i terremoti non erano così frequenti. In realtà, fa sapere l’INGV, che dal  2005 al 2016 si sono verificati più di 6.000 terremoti che hanno avuto magnitudo Richter (ML) superiore a 2.5. Di questi, 20 hanno avuto magnitudo maggiore di 5.0: questo in un periodo di appena undici anni. Ma per Marco Carta non è così, sotto sotto (ma davvero sotto eh, vista la profondità degli epicentri) c’è la mano dell’uomo. E poco importa che l’energia sprigionata sia fuori scala per l’uomo (a meno di non far esplodere ordigni atomici nel sottosuolo): ogni volta che la magnitudo sale di una unità l’energia aumenta non di una, ma di circa 30 volte. Per comodità ecco una cartina dell’INGV che mostra i terremoti degli ultimi mille anni; In questo lasso di tempo ci sono stati circa 260 terremoti di magnitudo Mw pari o superiore a 5.5 – in media uno ogni quattro anni.
marco carta terremoto complotto
Questi sono invece gli eventi sismici registrati dal 1985 al 2014. Casualmente il 1985 è l’anno di nascita di Marco Carta, coincidenze?

Negli ultimi 30 anni i sismometri hanno registrato più di 190.000 eventi sismici in Italia e nei Paesi confinanti, in gran parte concentrati nelle aree montuose e nelle zone vulcaniche. La maggior parte di questi non è stata avvertita dalla popolazione e sono 45 i terremoti che hanno avuto una magnitudo Richter ML pari o superiore a 5.0.

marco carta terremoto complotto
Noi crediamo di no. Ma se volete informarvi meglio un buon punto di partenza è questa pagina del sito dell’INGV.