Accettazione privacy

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Le dimissioni di Renzi smentite dal portavoce

L'annuncio dell'agenzia di stampa ANSA, ma il portavoce smentisce. Nel pomeriggio è in programma una conferenza stampa al Nazareno. Anche i renziani avrebbero chiesto al leader un passo indietro dopo il disastro elettorale

Matteo Renzi avrebbe deciso di dimettersi. Lo scrive l’agenzia di stampa ANSA mentre da ieri sera si sa solo che il segretario del Partito Democratico ha programmato una conferenza stampa per il pomeriggio al Nazareno. Ma il suo portavoce Marco Agnoletti smentisce dopo poco.

Le dimissioni di Renzi

L’ipotesi di un passo indietro era stata scartata alla vigilia del voto, quando nessuno immaginava il crollo a cui si è assistito nel corso della notte. Alla luce dei dati, la parola “dimissioni” ha cominciato però a circolare fra gli ambienti dem. Fino alla resa di cui parla ora l’ANSA: ha detto ai suoi che si dimetterà. Secondo La7 anche i renziani avrebbero chiesto a Renzi di dimettersi. Renzi lascia quindi la poltrona di segretario del Partito Democratico ma rimane ovviamente senatore dopo la vittoria personale, larga, nel collegio di Firenze. Anche la Reuters riporta la notizia delle dimissioni di Renzi, citando l’ANSA. Poi arriva la smentita di Agnoletti: «A noi non risulta», scrive direttamente su Twitter.

Rimane per ora quindi soltanto l’annuncio della conferenza stampa per le 17 di oggi pomeriggio. Quello potrebbe essere il momento giusto per l’annuncio. Intanto la decisione di Matteo Renzi di lasciare la segreteria del Pd è confermata all’ANSA da fonte diretta e autorevole del partito.

Leggi sull’argomento: La sconfitta epocale del Partito Democratico