Fatti

Il referendum del 17 aprile sulle trivellazioni

referendum trivelle 17 aprile

Quest’anno il popolo italiano sarà chiamato ad esprimersi su due referendum, il primo è quello del 17 aprile sulle trivellazioni al largo delle coste italiane, il secondo invece sarà quello (probabilmente in autunno) sulle modifiche della carta costituzionale introdotte dalla riforma del Senato voluta da Matteo  Renzi e dalla Ministro Boschi. Si tratta di due referendum di tipo diverso: il primo, come tutti quelli degli ultimi anni è abrogativo invece il secondo è un referendum costituzionale. Questo significa ad esempio che nel primo caso per dire no alla norma sulle concessioni per le trivellazioni bisogna votare sì, nel secondo caso invece il sì invece approva la riforma del Senato.

trivelle regioni
Le dieci regioni che hanno chiesto il referendum sulle trivellazioni

Il referendum e i tentativi del governo di affossarlo

Il quesito referendario sul quale gli italiani saranno chiamati a votare il 17 aprile è l’unico superstite dei sei proposti dai consigli regionali di Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Le richieste delle Regioni e dei comitati riguardavano l’abrogazione dell’articolo 35 del decreto Sviluppo e di alcune parti dell’articolo 38 del decreto «Sblocca Italia». Il Governo però, tramite una norma inserita nella Legge di Stabilità, ha di fatto “disinnescato” cinque dei quesiti presentati dalle Regioni. Poi, per sabotare ulteriormente la riuscita del referendum ed evitare il raggiungimento del quorum, il Governo ha deciso di non accorparlo alle elezioni amministrative di giugno, una sciocchezzuola che costerà tra i 300 e 400 milioni di euro. Certo, si sarebbe potuto accorpare il referendum a quello costituzionale, ma evidentemente il Consiglio dei Ministri ha reputato fosse una ancora più rischiosa dal momento che in quell’occasione non è in gioco il rinnovo dei vertici delle amministrazioni locali ma l’esistenza stessa del Governo (in caso di sconfitta Renzi ha già annunciato che lascerà la politica). Si è scelto inoltre di indicare la data del 17 aprile per mettere in ulteriore difficoltà i sostenitori del sì che in poco più di un mese dovranno riuscire a informare tutti gli italiani dell’esistenza del referendum per poter così sperare di raggiungere il quorum senza il quale tutti gli sforzi saranno stati vani. Il testo del quesito referendario dal titolo “Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per titolo abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento” che chiede l’abrogazione della norma che consente alle società petrolifere che hanno già ottenuto la concessione di continuare la loro attività entro il limite delle 12 miglia marine è il seguente:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?

La legge stabilisce il divieto di concedere nuovi permessi per attività di ricerca ed estrazione all’interno del limite delle acque territoriali ma nulla dice riguardo a quelle concessioni che hanno già ottenuto l’autorizzazione e alle piattaforme già operative. Il quesito riguarda quindi la durata delle autorizzazioni già rilasciate a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti entro le 12 miglia dalla costa e cioè che abbiano la “durata della vita utile del giacimento”.

trivellazioni marine referendum - 1
La mappa delle trivellazioni al largo delle coste italiane (fonte: Sole 24 Ore)

Cosa succede in caso di vittoria del sì

È bene dirlo, una vittoria del sì è  improbabile, probabilmente il referendum non sarà in grado di raggiungere il quorum. Ma quali saranno i giacimenti interessati dall’abrogazione della norma? Per la verità non sono molti i giacimenti attivi entro il limite delle acque territoriali, molte delle piattaforme hanno già terminato la loro attività e le zone più interessanti per le compagnie petrolifere sono al momento tutte al di fuori del limite delle acque territoriali. Ci sono però tre importanti siti estrattivi che in caso di vittoria del sì non potranno vedere rinnovate le loro concessioni, si tratta dei siti Guendalina (Eni) nell’Adriatico, Gospo (Edison) davanti alle coste abruzzesi e e Vega (Edison) al largo di Ragusa. Per come è concepita la normativa oggi, al momento della scadenza della concessione le compagnie petrolifere potranno chiedere un rinnovo che potrà essere concesso solo in seguito ad una nuova Valutazione d’Impatto Ambientale. In seguito al parare positivo della VIA allora l’attività potrà riprendere (ed essere potenziata) fino all’esaurimento del giacimento. Se vincesse il sì invece i giacimenti dovranno terminare immediatamente le loro attività e le piattaforme dovranno essere chiuse. In caso di vittoria del no (e di mancato raggiungimento del quorum) le cose rimarrebbero invece così come prevede la normativa attualmente in vigore. Ed è proprio il quorum il problema principale, il Coordinamento nazionale NO Triv ha infatti diffuso nei giorni scorsi un sondaggio SWG secondo il quale la maggioranza degli italiani è propensa a votare sì. O meglio, secondo il quale la maggioranza degli italiani che andrà a votare andrà a votare sì.
referendum 17 aprile no trivelle - 1
Quello che probabilmente non è chiaro è che il quesito referendario non propone di vietare le trivellazioni in mare al largo delle nostre coste ma solo il rinnovo delle concessioni entro il limite delle 12 miglia. Sembrerà una distinzione da poco ma non è così e i proponenti giocano più sull’impatto emotivo dello slogan NO TRIV che fa presupporre la scomparsa delle trivelle dai nostri mari che sulle ricadute reali della vittoria del sì, che non impedirà nuove trivellazioni o prospezioni. Nuove concessioni potranno in ogni caso essere date al di fuori del limite delle acque territoriali (12 miglia sono all’incirca 22 chilometri) e il referendum non va a toccare questa eventualità. E, sostengono i critici, non è nemmeno automatico che il mancato rinnovo delle concessioni (sempre dopo Valutazione d’Impatto Ambientale) e la conseguente cessazione delle attività si traduca in una riduzione dei possibili rischi d’inquinamento. Le piattaforme dovranno infatti essere continuamente sottoposte a manutenzione e costantemente monitorate per evitare che a causa dell’invecchiamento delle strutture si possano danneggiare e provocare l’eventuale fuoriuscita di sostanze inquinanti. Va inoltre fatto notare che già ora le piattaforme vengono controllate dalle Agenzie regionali per la prevenzione e protezione ambientale. Riguardo ai problemi dell’inquinamento delle coste e dei litorali, soprattutto (ma non solo) in certe aree del Sud Italia sarebbe forse più opportuno concentrarsi sulla lotta all’inquinamento dovuto agli scarichi a mare degli impianti fognari delle città, che spesso sono fuori norma quando non addirittura abusivi.