Opinioni

I sondaggi sull’Emilia Romagna di Tecné e la variante M5S

Ieri Quarta Repubblica ha pubblicato una serie di sondaggi sull’Emilia Romagna, dove si vota a gennaio e sono in corsa Stefano Bonaccini e il centrosinistra mentre Lucia Borgonzoni è appoggiata dal centrodestra. Le tre rilevazioni partono dalla variabile MoVimento 5 Stelle e dalla possibilità che faccia desistenza, ovvero non si presenti favorendo così il centrosinistra. Secondo i dati, se il M5S invece si presenta Bonaccini supera Borgonzoni di un punto percentuale (46% contro 45%) e quindi la regione è in bilico; se il M5S invece appoggia Bonaccini, questi supera la soglia del 51% e lascia la Borgonzoni 4 punti percentuali sotto. Se invece non si presenta, Bonaccini supera Borgonzoni di due punti percentuali.

sondaggi emilia romagna
I sondaggi di Tecné sull’Emilia Romagna

Quello di Tecné non è l’unico sondaggio circolato in questi giorni. Entrambi i candidati hanno fatto trapelare l’esistenza di sondaggi da loro commissionati che li danno vincenti (il che è un classico, in Italia e non solo). Altri sono in salita per il centrosinistra e danno come vincente la candidata leghista, mentre altri dicono che la partita è in parità ma saranno decisive le prossime mosse del governo e in particolare la plastic tax, visto che molte aziende del packaging sono locate nella regione.

sondaggi tg la7

I sondaggi del Tg di La7 invece continuano a dare la Lega in crescita (arriva al 34,5%) così come il Partito Democratico, che porta a casa il 18,6% ed è in recupero rispetto alle settimane precedenti. Il MoVimento 5 Stelle scende sotto la soglia del 15,8% mentre è ancora in crescita Fratelli d’Italia che sfiora la soglia del 10%. Unico a perdere tra i partiti di governo, oltre al M5S, è Italia Viva di Matteo Renzi.

Leggi anche: Il sondaggio sullo Ius Culturae