Opinioni

Concetta Raia: la bufala della deputata PD che minaccia chi vota 5 Stelle

Concetta Raia, deputata regionale siciliana del Partito Democratico, è stata accusata sul blog di Beppe Grillo di aver minacciato chi vota MoVimento 5 Stelle. Scrive Grillo:

In questo video la Raia scende in piazza durante una manifestazione dei Forestali, ma dopo essere stata fortemente criticata MINACCIA i manifestanti facendo capire loro che nel caso in cui dovessero votare per il Movimento 5 Stelle, il PD chiuderebbe ogni rapporto mettendoci “una croce sopra”.

concetta raia beppe grillo
Il filmato, che è stato pubblicato su Youtube tagliato, in effetti però fa capire altro rispetto a quello che viene raccontato sul blog di Grillo. In esso la Raia dice: «…perché l’unica che sta qua (si intende: alla manifestazione dei lavoratori forestali siciliani, che protestano perché Il blocco del patto di stabilità impedisce l’inizio del lavoro degli operai, ndr) sono io, sono io qua. Ci sono io qua, non ci sono gli altri». Poi la Raio aggiunge con fare interrogativo: «Hai votato 5 Stelle?», e fa il segno della croce volendo intendere, evidentemente, che loro – i 5 stelle – non sono in piazza con i forestali e lei (la persona a cui si rivolge) ci può mettere “una croce sopra”. L’onorevole Raia, da quel poco che si vede, non sta “minacciando i forestali” per non far votare i 5 stelle, ma, semplicemente, sta parlando male degli avversari. Ovvero, sta facendo propaganda politica. Come fanno del resto tutti i partiti politici.

D’altro canto, in occasione della protesta del 29 ottobre (quella che vedete nel video è più recente) il MoVimento 5 Stelle di Palermo era stato chiaro a proposito dei lavoratori forestali:

Non ce l’abbiamo con i forestali, ma questo modo di operare sistematicamente all’ultimo minuto è assolutamente fuori da ogni logica e, soprattutto, da ogni regola. Per stornare i fondi della sanità ci vuole una delibera di una giunta che non c’è, mentre il presidente va a tutelare le imprese all’estero e dimentica quelle siciliane. Noi non ci stiamo a svestire un figlio per vestirne un altro. A togliere fondi ad alcuni per darli ad altri”.
Con queste parole del deputato Giancarlo Cancelleri, il Movimento 5 Stelle all’Ars ha annunciato la volontà di non partecipare al voto della mini proroga ai forestali, costruita con i cocci raccattati tra le pieghe di un bilancio più che all’osso. I deputati del Movimento domani (30 ottobre 2015) non saranno presenti in aula.
[…]
“Non può passare il messaggio – afferma Claudia La Rocca – che chi paralizza le piazze e crea enormi disagi alla gente ottiene subito quel che vuole. E’ inaccettabile, oltre che immorale. Non sono solo i forestali ad aver diritti da difendere. Tantissime altre categorie soffrono e patiscono e lo fanno in silenzio, senza che nessuno si ponga il problema di trovare per loro soluzioni in tempi decenti”.