Fatti

ATAC e la rivolta contro il lavoro a Natale e Capodanno

atac natale capodanno

Di solito il Natale a Roma è festeggiato anche dagli autisti della metropolitana e degli autobus: l’azienda il 25 dicembre offre un servizio ridotto dalle 8 alle 13 il 25 dicembre; a quanto pare però Manuel Fantasia, capo di ATAC nominato da Virginia Raggi, ha fatto consegnare ai sindacati una proposta di modifica dei turni durante le feste a vantaggio degli utenti: il 25 dicembre è previsto un servizio completo: dalle 5.30 del mattino alle 23.30 per tutte le linee della metro. Novità in vista anche per gli autisti dei bus: anziché lavorare a singhiozzo, dalle 8.30 alle 13 e poi dalle 16.30 alle 21,come avveniva in passato, stavolta l’ATAC vuole programmare un turno unico dalle 5.30 alla mezzanotte. Un’iniziativa meritoria da parte di Fantasia, che va incontro alle esigenze di chi abita o passa per la Capitale in quei giorni. E infatti i sindacati di ATAC si sono incazzati come bisce.

ATAC e la rivolta contro il lavoro a Natale e Capodanno

«Il 14 dicembre sciopereremo principalmente per questo motivo», fa subito sapere Claudio De Francesco, battagliero leader del sindacato Faisa Confail. Che prepara la grande adunata: «Siamo pronti a protestare fin sotto il Campidoglio, non ci arrenderemo facilmente». Il sindacato Cambia-Menti, che ha indetto l’ultimo sciopero ATAC con polemica, pubblica una nota durissima sul suo sito: «Nonostante debba esserci un accordo tra le parti, dato che un atto unilaterale sarebbe oltraggioso nei confronti della categoria degli autoferrotranvieri, la Scrivente rispedisce al mittente questa proposta che serve solo ad alienare l’ennesimo diritto. Ricordiamo che è in programmazione il piano ferie con i parametri dello scorso anno e questo già pregiudicherebbe questo diritto. Ricordiamo che, dopo un certo orario, lavorare a Natale e Capodanno non avrebbe alcun beneficio per la cittadinanza, ma servirebbe solo come propaganda».

atac natale capodanno-2
La proposta dell’ATAC ai sindacati sul lavoro a Natale e Capodanno

Il Messaggero invece cita Enrico Stefàno, che avrebbe smorzato i toni e attribuito subito tutto all’azienda:

Con gli autisti che lo hanno contattato, per protestare, il presidente M5S della Commissione Trasporti, Enrico Stefano, ha cercato di prendere tempo: «È una proposta di Atac, siamo ancora in una fase di valutazione…».

E anche Micaela Quintavalle, autista ATAC che aveva invitato a votare per De Vito e di recente aveva partecipato a una trasmissione tv di Giletti, cerca di spostare l’attenzione sulla decisione aziendale parlando di “disegno di governo”, probabilmente per difendere i 5 Stelle.
atac natale capodanno

Le minacce di sciopero bianco

Insomma, stranamente qualcuno sembra non ricordare che la meritoria iniziativa di avere un servizio di trasporto pubblico a Natale e Capodanno era stata correttamente e giustamente annunciata anche da Daniele Frongia, attuale vicesindaco della Capitale, il 26 dicembre scorso:

ATAC festeggia il Natale lasciando a piedi migliaia di romani, turisti e pellegrini. Sembra incredibile ma esiste una capitale europea, quella con il maggior numero di turisti, che a Natale fa mezzo servizio e alle ore 13 “s’è fatta una certa” e chiude le metro. L’annuncio è puntuale quanto sconvolgente
Dal 2016 si cambia registro.
PS stamattina ho incontrato alcuni turisti “spaesati” vicino alla fermata di Furio Camillo… Che bella immagine che diamo della nostra città.

daniele frongia atac natale
Lo status di Daniele Frongia che risale al dicembre scorso

E adesso che i 5 stelle hanno scelto il capo dell’ATAC, effettivamente, è arrivata la riforma, ricorda Lorenzo Di Cicco sul Messaggero, il quale segnala che in preparazione ci sarebbero sceneggiate tipo quella del Capodanno 2015 per ritorsione:

«Non staremo con le mani in mano»,fanno sapere sempre dalla Faisa Confail. «A Roma si è sempre fatto così, ci sono padri di famiglia che non possono lavorare a Natale. Ci vada la sindaca al volante di un bus». Nelle chat dei conducenti, ovviamente, c’è chi prepara le contromosse: dai permessi 104 alle donazioni sangue. Un remake del capodanno 2015 (quello delle assenze di massa tra i vigili e i macchinisti), in versione Cinepanettone.

D’altro canto per quella rivolta vergognosa che ci ha fatto finire sulle prime pagine di tutti i giornali non ha pagato quasi nessuno.

Leggi sull’argomento: Come mai a Roma le metro sono ferme?